La storia della Wiener Kaffeehaus (Caffetteria Viennese) risale alla fine del XVII° secolo ed è strettamente correlata all’assedio da parte dei Turchi. Dal 1803-1813 la Wiener Kaffeehaus venne messa a dura prova dal Blocco Continentale emanato da Napoleone allo scopo di mettere in difficoltà i commerci con l’Inghilterra. I dazi sui chicchi di caffè divennero così alti che nessun caffettiere se li poteva permettere. Quando, nel 1808 l’Austria aderì all’embargo, le Wiener Kaffeehäuser erano a un passo dalla rovina. In quel periodo estremamente critico, alle Wiener Kaffeehäuser venne concesso per la prima volta di servire ai propri clienti, esclusivamente di sesso maschile, anche vino e pasti caldi: nasceva così il Wiener Kaffee-Restaurant. La Wiener Kaffeehaus aprì le proprie porte alle donne solo nel 1856. Verso la fine del XIX° sec. la Wiener Kaffeehaus era simile a quella di oggi, non solo un piacevole punto di  ritrovo per chiacchierare fra amici, ma anche un luogo per discutere e trattare d’affari. La Wiener Kaffeehaus, luogo molto amato e dalla lunga tradizione, viene considerata una mecca della comunicazione, il cui sviluppo si può ammirare in consistenti volumi di fotografie che risalgono al 1860 circa.

Dall’unione delle caffetterie di Vienna, sia tradizionali che innovative, nel 1956 è nato il Club dei Caffettieri Viennesi. Tra i compiti principali del club, la rappresentanza del club e dei suoi soci nei confronti dei media e degli operatori economici, nonché il mantenimento e la promozione della tradizione della „Wiener Kaffeehauskultur“ (Cultura della Caffetteria Viennese).

Il Club dei Caffettieri (Wiener Kaffeehausbesitzer) si dedica soprattutto alla promozione di progetti culturali nelle caffetterie. Tra i compiti principali dell’Associazione, oltre alla rappresentanza del club e dei suoi soci nei confronti dei media, dell’amministrazione pubblica e degli operatori economici, si riscontra fra gli altri anche l’organizzazione del „Ballo dei Caffettieri di Vienna”.

Hausbrandt dal 2013 è Socio Promotore del Club dei Caffettieri di Vienna e partner del Ballo dei Caffettieri di Vienna.

www.kaffeesiederball.at